Dall’Amazzonia con furore: Amazon.IT!

E’ arrivato amazon.it e il mondo dell’editoria online (e non solo) è andato in subbuglio.

Prezzi folli, grandi offerte, biblioteca infinita, anche se…

Ad una prima occhiata sembra non esserci dubbi! Quando compri un libro, un audio o un prodotto multimediale, tu scegli questo – Il mal di latte. Intolleranze, allergie e malattie da latte e latticini (Salute e alimentazione):

o questo?

Che costa il 30% in più?

Eppure siamo sul sito della casa editrice che non riesce a proporti un prezzo migliore di quello di Amazon.

Tu compri, sempre su Amazon.it, questo Smettila di essere ricco. Come uscire dal tunnel della ricchezza e del successo
(che costa meno ma non sai quando sarà disponibile):

o questo?
e sei sicuro che ti arriva in 2 giorni!
(Giuro: meno di così proprio non è possibile! Ha pure il titolo ribattuto e verniciato! :D )

Circolano leggende su come amazon riesca a fare tutto questo e gli studiosi del modello americano hanno già diffuso le proprie congetture:

  • hanno comprato una copia di tutti i libri del mondo
  • hanno accesso (a pagamento o meno) a tutti gli isbn del mondo
  • attuano la politica di ryan air affossando il mercato e lavorando in perdita per una anno.

Fatto sta che chiunque venda libri online dovrà fare i conti col nuovo arrivato. Ognuno dovrà schierarsi: chi a favore e chi no.

Edizioni Dialogika (per cui lavoro) e il suo fondatore, sono da sempre estimatori (e buoni clienti) di Amazon. Con piacere abbiamo visto che fin dal primo giorno di “apertura” tutti i nostri prodotti erano a listino e abbiamo fatto subito una prova di acquisto…

E qui iniziano i “ma”. L’ultimo arrivato fra i nostri prodotti, il carinissimo “Web Monster & Conversational Marketing” è stato subito acquistato nonostante a prima vista non fosse possibile intuire i tempi di consegna.
Subito arriva una mail che mi conferma che sarò avvisato appena il prodotto sarà disponibile per la consegna.Passano i giorni, passano le settimane, continuiamo a vendere il libro sul nostro sito, ai nostri corsi, ai nostri distributori ma di Amazon.it nessuna notizia.

Faccio finta di essere un compratore in attesa di ricevere il proprio acquisto: alle email rispondono che si faranno vivi presto, intanto dal loro portale spariscono diversi prodotti di altri editori, noi decidiamo di continuare a fare gli gnorri e vedere come si comportano.

Allla fine ecco la mail e il giochino (intanto sono nella loro banca dati, ricevo tutte le loro newsletter e sono perfino un loro affiliato!!) è svelato:

“Nonostante i nostri sforzi, non siamo in grado di garantirti una consegna in tempi brevi.
Abbiamo ritenuto importante informarti e cancellare questi articoli dall’ordine. Per scusarci dell’inconveniente, ti offriamo in questo caso uno sconto personale di EUR 5 da utilizzare sul nostro sito www.amazon.it per l’acquisto di altri libri a tua scelta.”

E’ il momento di contattarli e proporgli una collaborazione più efficace e in linea con la politica di vendita di Dialogika, ma anche qui sbatto contro un muro.
Candidamente mi dicono che: “hanno già i loro accordi e i loro fornitori e che per ora sono vincolati”.

Insomma Amazon.it non mi richiama alla mente il sogno americato, mi sembra piuttosto un ben organizzato modello di azienda americana.
Non ho consigli da dare, a me Amazon continua a piacere e intrigare, sono stati i più rapiti ad adottare tutti i sistemi e le novità che potevano farovirli in un mercato altamente competitivo. Mercato che forse hanno concorso a rendere un pochino migliore.

Se volete sicurezza e semplicità vi consiglio i siti “classici” perché comunque per spendere davvero meno su Amazon.it dovete diventare molto fidelizzati e buoni compratori e i termini dell’acquisto sono subito chiari.

Share
This entry was posted in Attualità, Libri, Senza categoria and tagged , . Bookmark the permalink.

One Response to Dall’Amazzonia con furore: Amazon.IT!

  1. Claudio Luce says:

    Senti, ma hai visto che adesso vendono anche le cucine su Amazon.it? ;)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Login with Facebook: