La gravità dei bambini e il gatto imburrato

Vorrei sapere perché se deve cadere, cadrà proprio per terra.

Ho passato la vita a girare al largo dalle leggi di Murphy poi, stufo di sentirmi alla deriva, disperso nella sfortuna cosmica, ho svoltato e deciso che era Murphy ad essere uno sfigato e che dovevo augurare a me stesso tutto il meglio possibile.

Sono arrivati i denari, i cuori sono colmi di gioia, la vita sembra tutta rose e fiori… e non ci sono più tanti due di picche.

Ma non divaghiamo.

Adesso sto verificando con mano quello che tutti i genitori hanno vissuto prima di me: un bambino piccolo riesce sempre a trovare il modo di gettare qualsiasi oggetto a terra.
Dovesse fare le acrobazie più incredibili, dimostrare la mira di un cecchino, calcolare rimbalzi e rinterzi degni di un campione di biliardo, troverà sempre il modo di far finire a terra ciò che prima era in un equilibrio statico.

Non c’entra Murphy, è la natura, probabilmente un passo evolutivo che l’uomo sta compiendo.

E tutto questo non si può nemmeno sfruttare per creare un motore a gatto imburrato.

Chi di noi non conosce il MOTORE A GATTO IMBURRATO!

Il motore a gatto imburrato è una forma di propulsione ecologicamente compatibile con l’ecosistema, il quale dimostra come sia possibile arrivare al moto perpetuo.

Le due leggi alla base della scoperta sono:

* Un gatto cade sempre sulle zampe (e mai sulla schiena) (Legge di gravitazione del moto felino);
* Una fetta di pane imburrata cade sempre dalla parte del burro (derivata dalla Legge di Murphy).

Assunte queste due leggi come valide, basta prendere un gatto e legare una fetta di pane imburrato sul suo dorso con la parte imburrata rivolta in alto.

Lasciando il gatto da un’altezza finita, il gatto tenderebbe ad atterrare sulle zampe, mentre la fetta di pane imburrato tenderebbe a cadere dalla parte del burro; e quindi il sistema gatto/fetta imburrata rimane a mezz’aria, opponendosi alla forza di gravità. Sia il gatto sia la fetta di pane continuano a ruotare all’infinito.

A questo punto è sufficiente collegare il sistema gatto/fetta imburrata ad un canalizzatore di energia per ottenere un motore alimentato all’infinito.

* Conclusioni

Il gatto non può cadere! (Legge di conservazione antigravitazionale del moto burrofelino) Il gatto con il pane imburrato, una volta in aria, galleggerà trovando un equilibrio in uno dei nove punti di Lagrange (uno per ogni vita del gatto) del sistema pane-felino, dove le forze di repulsione del burro e del gatto sono bilanciate. Questo equilibrio può essere trovato facilmente:

1. nel caso in cui prevalga la forza del burro, rimuovendo burro dal toast,
2. nel caso sia la forza felina a prevalere, tagliando una zampa del gatto (attenzione non più di 3: senza zampe il gatto non potrà atterrare sulle zampe!).
3. nel caso in cui non vi fossero più zampe disponibili, aggiungendo burro sul toast.
4. nel caso in cui non abbiamo più burro, aggiungendo un tappeto costoso sotto il motore

Corollario

In teoria questo causerebbe uno stazionamento a mezz’aria del gatto, ma nella realtà, data la natura non uniforme delle forze gravitazionali terrestri, il gatto semplicemente ruoterà attorno al suo centro di gravità a una velocità crescente. Al verificarsi di questa eventualità il sistema gatto-pane imburrato dovrebbe smembrarsi soggetto alla crescente velocità centrifuga, ponendo dei seri limiti ai campi di applicazione di questa fonte di moto.

Fonti:

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Motore_a_gatto_imburrato

http://it.wikipedia.org/wiki/Paradosso_del_gatto_imburrato

Ciao!
Il tuo e il mio tempo sono preziosi. Non è facile trovare il tempo per esserci sempre: se ti va AUMENTA la mia MOTIVAZIONE
Lasciami un commento o semplicemente CLICCA sui link di GOOGLE:
magari troverai qualcosa di interessante e io cumulo centesimini ogni click
:)

Share
This entry was posted in Ciccio su Nonna Papera, Funny and tagged , , . Bookmark the permalink.

One Response to La gravità dei bambini e il gatto imburrato

  1. Zlatan Ibrahimovic says:

    ma te ne fai di seghe mentali….pirla.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Login with Facebook: